Crea sito

Trattativa Stato-mafia, morte o esilio per renitenti: tre i caduti

Due i magistrati antimafia: Barillaro privato della scorta muore in uno strano incidente, Ingroia “esodato” vola in Guatemala. Uno il testimone scomodo: D’ambrosio, consigliere del Colle, scomparso a causa di un infarto. Tre indizi in odor di prova.

Un filo rosso unisce i vissuti di tre uomini diversi che hanno trovato nella ricerca della verità un fronte comune per contrastare la perenne collusione fra Stato e mafia. La fine di luglio ha segnato indelebilmente la storia di questo paese: mercoledì 25 muore il giudice Barillaro, uomo chiave della lotta contro la mafia. Attualmente ricopriva il ruolo di gip al tribunale di Firenze, dove ancora si sta indagando sulla famigerata quanto appurata trattativa fra Stato e mafia. Come consigliere applicato alla corte d’assise d’appello di Caltanisetta, ha redatto la sentenza nel processo Borsellino ter sulla strage di via D’Amelio e la sentenza nel processo a Totò Riina e altri per l’attentato all’Addaura contro Giovanni Falcone. Di recente si era occupato del traffico illecito di capitali fra Italia e Cina, un flusso di denaro di circa 4,5 miliardi che scorreva negli argini sicuri della criminalità organizzata. Barillaro parlava così di Borsellino: “Ora tutti lo osannano, ma a quei tempi era stato lasciato solo”. Il Viminale gli aveva da poco tolta la scorta, nonostante la succeduta lettera di minacce che inneggiava alla sua morte.

Il 25 luglio è anche il giorno in cui Antonio Ingroia lascia l’incarico di sostituto procuratore di Palermo per trasferirsi in Guatemala. Il magistrato titolare dell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia andrà a combattere il narcotraffico nella piccola repubblica centroamericana per conto delle Nazioni Unite. Una notizia surreale dato che si tratta di una delle indagini più importanti capitate fra le mani del pm palermitano. Tanto più che lo stesso Ingroia dice di andarsene con l’amaro in bocca: da qui si capisce tutto il dispiacere di un pm che non può restare a vedere l’esito di quanto ha costruito in istruttoria. Infine il 26 luglio muore d’infarto il magistrato Loris D’Ambrosio, consigliere del Quirinale ed ex collaboratore del giudice Giovanni Falcone. D’Ambrosio aveva recentemente rilasciato al Fatto Quotidiano un’intervista dove ammetteva di aver aiutato Mancino, per conto di Napolitano, a ottenere un trattamento favorevole coi giudici. Mancino è infatti indagato per falsa testimonianza nell’ambito del processo di Palermo sulla trattativa. Insomma, l’unico che al Colle era disposto a parlare ci ha improvvisamente lasciato. Se qualcosa non cambia, della trattativa non rimarrà che un ricordo.

Leave a Reply

*