Crea sito

Trattativa Stato-mafia, “Distruggete le telefonate di Napolitano”

È questo l’agghiacciante dispositivo della Consulta. Le telefonate del Presidente della Repubblica non possono essere intercettate. Una sentenza anti-storica, anti-costituzionale e antidemocratica: vediamo perché.

Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica, ha vissuto nell’ultimo anno attimi di vivido terrore. Fino a martedì, quando la Corte costituzionale ha disposto la distruzione delle sue intercettazioni con Nicola Mancino, imputato nel processo sulla trattativa fra Stato e mafia. In accordo con quanto espresso da giuristi indipendenti, e con un precedente storico che riguarda l’ex presidente Scalfaro, non esistono norme che impediscano di intercettare le telefonate del capo di Stato (*), soprattutto se costui non è sottoposto a indagine. Nel nostro caso Napolitano conversava al telefono con Mancino che presumibilmente gli chiedeva, da privato cittadino, un indebito intervento sugli organi di coordinamento della magistratura. Il fine sarebbe stato quello di evitare un confronto in aula con un teste – l’ex ministro Martelli – che avrebbe compromesso ulteriormente la sua posizione da imputato. Quest’ipotesi è stata in parte confermata dall’ex consigliere giuridico del Colle Loris D’Ambrosio, recentemente deceduto, in un’intervista al Fatto Quotidiano, dove ammetteva che Mancino subissava di telefonate il Quirinale per chiedere aiuto.

Ad allertare il Colle fu un’intervista del procuratore palermitano Di Matteo al quotidiano Repubblica, datata 22 giugno 2012, in cui veniva segnalata l’esistenza delle intercettazioni Napolitano-Mancino. Poco dopo l’avvocatura dello Stato venne incaricata di sollevare il conflitto di attribuzione, al fine di cancellare ogni possibile traccia delle conversazioni telefoniche. Questa settimana l’amaro verdetto della consulta: “Non spettava alla Procura di Palermo valutare la rilevanza della documentazione relativa alle intercettazioni delle conversazioni telefoniche del Presidente della Repubblica” captate nell’ambito dell’inchiesta. I pm di Palermo, di conseguenza, dovevano “chiedere al giudice l’immediata distruzione” di tali intercettazioni, “ai sensi dell’articolo 271, terzo comma, cpp e con modalità idonee ad assicurare la segretezza del loro contenuto, esclusa comunque la sottoposizione della stessa al contraddittorio delle parti”. Due principi vengono qui perentoriamente affermati: il primo è che il presidente della Repubblica gode di privilegi di fronte alla legge, il secondo riguarda l’ennesimo tentativo istituzionale di ostacolare l’accertamento della verità in merito alle responsabilità della stagione stragista ’92-’93.

* Fonte: Zagrebelsky e Cordero affondano il ricorso di Napolitano contro i pm di Palermo.

 

Trattativa, Dell’Utri: “Ingroia è pazzo” e il magistrato si dimette

Dell’Utri offende il sostituto procuratore di Palermo Antonio Ingroia. Il magistrato decide di dimettersi, fra i motivi c’è quello di non esporre la procura a pressioni e polemiche.

Le dichiarazioni di Dell’Utri alla vigilia della richiesta del suo rinvio a giudizio pesano come un macigno. “Se c’è un pazzo – alla procura di Palermo, nda – è proprio Ingroia” ha affermato il fondatore di Forza Italia fra gli ambulacri del tribunale siciliano. Già da tempo il sostituto procuratore Antonio Ingroia meditava di dimettersi, non appena però fosse riuscito a concludere definitivamente le indagini sulla trattativa Stato-mafia. L’offesa di Dell’Utri alla sua persona è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Il magistrato infatti dopo aver ottenuto una condanna per concorso esterno in associazione mafiosa nei confronti del senatore del Pdl è stato bersagliato dalla stampa asservita alla corte di Arcore. A nulla sono valsi i tentativi dei colleghi di convincere Ingroia a fare un passo indietro, che dal canto suo risponde: “Lascio la procura per rasserenare il clima”. Il magistrato ha voluto inoltre precisare che l’inchiesta rimarrà nelle mani di validi inquirenti che hanno collaborato con lui al difficile compito di ricostruire una verità scomoda.

Una verità che certamente i dodici indagati di questa inchiesta preferirebbero non rivelare. Escludendo mafiosi conclamati come Riina e Provenzano sulla cui riluttanza a collaborare non v’è dubbio, tra gli altri probabili imputati – alcuni dei quali ricoprono ancora cariche apicali – aleggia una spaventosa omertà. Insieme ai media corrotti anche la Presidenza della Repubblica ha cercato di mettere i bastoni fra le ruote alla procura palermitana, sollevando un conflitto di attribuzione dall’evidente sapore intimidatorio. Oltre che per Dell’Utri sono state ravvisate responsabilità nei confronti degli alti ufficiali del Ros Mario Mori, Giuseppe De Donno, Antonio Subranni e degli esponenti politici Calogero Mannino e Nicola Mancino. Solo a quest’ultimo viene contestato il reato di falsa testimonianza, mentre per gli altri si tratta di attentato a corpo politico dello Stato. Il fatto che le dimissioni di Ingroia siano state indotte anche da pressioni politiche o interne alla magistratura rimane tuttavia più che un dubbio.

Napolitano terrorizzato dalla pubblicazione delle sue telefonate

Il Presidente della Repubblica blocca i lavori della procura di Palermo che stava per mettere agli atti dell’indagine sulla trattativa Stato-mafia le sue telefonate con Mancino. Episodio che stride con la giornata di oggi in cui si celebra il ventennale della scomparsa del giudice Paolo Borsellino.

Cosa può spingere un vegliardo ottuagenario prossimo a ritirarsi a vita privata a scaldarsi tanto? L’anzianità dovrebb’essere l’età della serenità e della saggezza, e invece al sol pensier che la procura di Palermo renda noto il contenuto di un paio di sue telefonate Napolitano perde le staffe. Scompone il suo decoro istituzionale fatto di ridicoli moniti e assurdi tentativi di moralizzazione, insinuando il dubbio che i magistrati che indagano sulla trattativa Stato-mafia abbiano abusato del loro potere inficiando le prerogative dell’Inquilino del Quirinale. Lo fa impegnando inutilmente un’altra istituzione come l’Avvocatura dello Stato per accusare prepotentemente Messineo e Ingroia (apostrofato ieri come pazzo da Dell’Utri), che a detta di insigni giuristi hanno operato nel pieno rispetto della legge. Nel decreto con cui ha incaricato l’Avvocatura il “Presidentissimo” chiede addirittura che le succitate intercettazioni vengano distrutte, ma il procuratore di Palermo Messineo ribatte che ciò può essere fatto solo davanti al gip e non su iniziativa degli inquirenti.

Insomma una querelle degna della corte del Re Sole, dove Napolitano recita la parte del monarca che vuole a tutti i costi il potere assoluto per silenziare l’ordinario e onesto lavoro di una certa procura. Per di più qui si sta parlando di intercettazioni indirette, nel senso che il telefono sotto controllo non era quello del Capo di Stato, bensì quello di un comune cittadino – seppur molto influente – come Nicola Mancino. Se poi l’ex ministro dell’Interno telefona anche al Presidente della Repubblica è ovvio che nelle intercettazioni ci finiscono entrambi. La vicenda invero si staglia in un panorama più complesso in cui Mancino e Napolitano si affannerebbero per salvare le rispettive reputazioni: Mancino ai tempi della strage di via D’Amelio faceva parte dell’esecutivo e probabilmente era a conoscenza della trattativa (e chissà mai che non verrà asseverato che ne fosse un fautore). Quella stessa trattativa che Paolo Borsellino non avrebbe mai accettato, motivo per cui è stato ammazzato. Loro si affannano, e noi oggi nel giorno del ventennale della sua morte commemoriamo la figura di un giudice che si è immolato per servire noi tutti. 19 luglio 1992 – 19 luglio 2012, ancora nessun colpevole.

Dal Colle omertà sulla trattativa: mafia e Stato si assomigliano

Napolitano si rifiuta di parlare della missiva spedita per redarguire le procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze che indagano sulla trattativa tra Stato e mafia. Se questo è un presidente della repubblica…

Dall’unità d’Italia le istituzioni non hanno mai brillato per trasparenza, men che meno oggi. La notizia di ieri sulle raccomandazioni epistolari inviate dal Quirinale al procuratore generale della Cassazione Vitaliano Esposito è passata in sordina. Nella missiva si chiedevano informazioni riguardo alle indagini sulla trattativa Stato-mafia delle tre procure italiane più antipatiche alla casta: Palermo, Messina, Firenze. La lettera è dei primi mesi di quest’anno ed è stata sollecitata dalle continue pressioni di Nicola Mancino, ministro dell’interno all’epoca delle stragi di Capaci e via d’Amelio. Mancino infatti, dopo essere stato sentito dai magistrati di Palermo, ha bombardato di messaggi la Presidenza della Repubblica lamentando di essere stato lasciato solo ad affrontare il processo; secondo le intercettazioni dell’inchiesta palermitana, avrebbe addirittura chiamato il procuratore del capoluogo siciliano Francesco Messineo per evitare un confronto in tribunale coll’ex guardasigilli Claudio Martelli.

Sconcerta il fatto che alla lettera del Quirinale abbia fatto seguito un controllo del pg Esposito sull’operato della procura di Messina, anch’essa scomoda per aver alzato il tiro delle indagini. Curiosamente, poco dopo, un’altra intercettazione immortala Mancino mentre ringrazia Esposito per la sua iniziativa considerata “un segnale forte in difesa dei politici”. L’intera vicenda non fa altro che gettare un’ulteriore onta sull’operato della giustizia italiana. E questo a dispetto degli odierni comunicati del Colle che parlano di legittimo esercizio delle funzioni di Napolitano in merito alla lettera inviata al pg Esposito. Normale amministrazione, vorrebbero farci credere, ma non sembra tanto normale che un ex parlamentare chiami il suo amico capo di Stato per togliersi dalle calcagna dei magistrati. Sono cose da basso impero, non certo da moderna democrazia. Oltretutto contribuiscono a svilire e a disincentivare il lavoro dei magistrati onesti che vogliono far luce sul periodo stragista dei primi anni novanta.

Treni notte ripristinati, ma c’è l’assalto dei privati

Foto Omniroma

MILANO – Ritornano i treni che collegano nord e sud Italia. Prima cancellati e poi magicamente ripristinati coll’avvicinarsi delle elezioni amministrative. Dal 12 giugno ripartiranno i convogli Milano-Lecce, Milano-Palermo e Torino-Lecce. Trenitalia con un comunicato precisa che la decisione è stata dettata dal loro principale committente, cioè lo Stato e nella fattispecie il Ministero dell’Economia. L’esecutivo a sua volta è stato indirizzato nella scelta da diverse mozioni del parlamento promosse da alcuni deputati meridionali. Intanto, nella quasi totale indifferenza, sta per essere inaugurato il famigerato treno Italo destinato secondo proprietari e accoliti “a far concorrenza allo Stato”. Non sorprenda il fatto che a farsi portavoce di un tale slogan sia un modesto imprenditore di scarpe, quale è Della Valle, che, sulla scia di precursori del calibro di Callisto Tanzi – il “lattaio” che voleva dominare il mercato, tristemente noto per il crac Parmalat –, ha fondato con una cricca di affaristi Ntv (Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A). La compagnia di cui è figlio Italo avvierà a breve la vendita dei biglietti, apprestandosi a solcare i binari italiani – pagati nei secoli dai contribuenti – presumibilmente a suon di agevolazioni e sovvenzioni statali.

UN MERCATO ILLIBERALE – La notizia fa più scalpore per l’arroganza e l’ignoranza dei fautori della partnership fra Stato e privati che per la ritrovata serenità degli ex-lavoratori della Wagons-Lits, licenziati dopo la soppressione dei treni notturni a lunga percorrenza. Trattasi di 152 persone già dipendenti delle Ferrovie dello Stato,  successivamente ceduti come parco buoi a una società estera ed infine scaricati a guisa di vecchie bestie da soma. Al momento la loro riassunzione, salvo eventuali smentite, sembrerebbe cosa fatta. Tornando a Ntv, qualcuno deve spiegarmi come fa una società privata di trasporto ferroviario a fare concorrenza a uno stato che riveste il duplice ruolo di locatore e concorrente. È un po’ la stessa situazione che si presenta nel settore della telecomunicazioni; Telecom avrà sempre un vantaggio sugli altri operatori telefonici, perché, essendo proprietaria delle dorsali, può condizionare i prezzi altrui semplicemente modificando le tariffe di locazione della rete. Esistono dunque dei settori in cui si può operare solo in regime di monopolio, dove mercato e aziende non possono entrare se non come monopolisti essi stessi. Ma a quel punto si potrebbe lasciare tutto in mano allo Stato che è – o dovrebbe essere – diretta emanazione della volontà popolare (quanto è populista la Nostra Costituzione!). Non esistono forse tantissimi altri campi dove permettere al mercato di esercitare la libera concorrenza (che oggigiorno consiste solo nella sfrenata corsa al ribasso dei salari)?

SCHIAVI DI NOI STESSI – Quando sento parlare di competizione e/o partecipazione fra Stato e imprese specialmente negli ultimi tempi inorridisco. Il linguaggio utilizzato dalla classe dirigente italiana – senza più distinzioni fra destra e sinistra – è totalmente sprezzante di ciò che le categorie politicamente ed economicamente più deboli hanno costruito in anni di lotte. Sto parlando dello Stato Sociale o del Welfare State, come più comunemente viene chiamato. In realtà la nostra repubblichina, checché ne dicano gli intellettuali di matrice bocconiana, avrebbe semplicemente bisogno di una macchina statale più efficiente che coinvolgesse maggiormente nei suoi processi decisionali i cittadini, autentici protagonisti della democrazia e gli unici a poter (e dover!) esercitare un controllo efficace sugli organi di governo. Parafrasando le parole del mitico Giorgio Gaber potremmo dire che si scrive libertà, ma si legge partecipazione. Se non si vuole infatti che l’articolo uno della Costituzione – specialmente dove recita “La sovranità appartiene al popolo” – rimanga lettera morta, allora bisogna uscire dall’ottica della “delega in bianco” a dei rappresentanti e cominciare a partecipare attivamente alla vita politica.

Fonti:

Ripristinati i Treni Notte? (video dal Binario21)

Sui treni notturni dietrofront del governo