Crea sito

Monte dei Paschi: Pd nell’imbarazzo, ma risparmiato da Berlusconi

Posted gennaio 31st, 2013 by marcomachiavelli and filed in Delinquenza politica, Lobby e malaffare, Politica

La dirigenza del Pd afferma di non avere responsabilità sullo scandalo di Monte Paschi. Il Pdl decide di non infierire, sebbene potrebbe assestare il colpo del KO sul ring della campagna elettorale. Quale arcano si nasconde dietro a questo omertoso armistizio?

Ogni giorno emergono nuovi filoni d’inchiesta alla procura senese, già impegnata sul fronte dell’acquisizione di Banca Antonveneta da parte di Mps. L’ipotesi dei magistrati verte su un filo rosso che legherebbe tutte le operazioni illecite all’unico reato di associazione a delinquere. Indagata la dirigenza che ha favorito l’acquisto di Banca Antonveneta dall’istituto di credito spagnolo Santander: al patibolo finisce in testa a tutti Giuseppe Mussari. L’ex presidente di Mps è destinato a essere immolato come capro espiatorio da chi conosceva il circuito di latrocini della banca. Le inchieste della magistratura accetteranno eventuali responsabilità penali, ma non certo quelle sul piano politico.

E qui la nota dolente si apre con le parole di Bersani rivolte recentemente al centrodestra: “Se ci attaccano – sullo scandalo Mps, nda – li sbraniamo”. Il Pdl sembra aver recepito il messaggio dal sapore marcatamente intimidatorio e si adegua cucendosi la bocca. D’altra parte Berlusconi nutre un sodalizio decennale con Monte Paschi, risalente addirittura ai primi anni ’80 quando cercava finanziatori per costruire Milano 2. Secondo un’inchiesta del sindacato ispettivo della banca datata 9 ottobre 1981, il Cavaliere godeva di particolari privilegi all’interno dell’istituto, non concessi ai normali clienti. Insomma, tra Pd e Pdl sembra implicito l’accordo “se cado io, cadi anche tu”: la campagna elettorale di entrambi può così continuare senza grandi turbolenze.

Monte dei Paschi: all’assemblea Grillo le canta a Profumo e Pd

Posted gennaio 25th, 2013 by marcomachiavelli and filed in Politica, Profeti moderni

All’assemblea degli azionisti Beppe Grillo non le ha mandate a dire. Aspre critiche all’attuale presidente e al suo predecessore, ma anche al Partito Democratico, reo, secondo il comico, di essere stato l’artefice dell’enorme deficit della banca senese.

Lo tsunami annunciato ieri da Beppe Grillo si è puntualmente abbattuto su Siena, questa mattina, in viale Giuseppe Mazzini 23, sede del Monte dei Paschi. Dieci minuti di quieto furore. L’assemblea straordinaria era gremita di piccoli azionisti, fra cui il comico genovese. All’ordine del giorno, l’approvazione dell’aumento di capitale necessario a ottenere il prestito dello Stato, i cosiddetti Monti Bond, circa 3,9 miliardi di euro, il gettito dell’Imu sulla prima casa. Grillo osserva che nell’aula c’è un clima surreale: da una parte i piccoli azionisti incazzati, dall’altra, ex cathedra, un gruppo dirigente tranquillo, per nulla turbato dalla gravità della situazione.

La posta in gioco sono migliaia di posti di lavoro, una banca che dal ’95, anno in cui è stata messa sotto il controllo della politica senese, ha subito una svalutazione vertiginosa, e la sopravvivenza di tante piccole e medie aziende ad essa connesse. Nei pochi minuti a disposizione il comico si rivolge, guardandolo negli occhi, all’attuale presidente dell’istituto in questi termini: “Io vengo da Genova, come il dottor Profumo, conosco il dottor Profumo, la vita che ha fatto, è un ex casellante, lavorava di sera, si è fatto da solo, un uomo molto importante, però è un uomo completamente inadatto a gestire questa situazione perché è indagato per frode fiscale”.

Poi il Pd: “Si doveva aprire una commissione, chiamare tutti i segretari del Partito Democratico dal ’95 a oggi e far loro delle domande, perché qui abbiamo un buco di 14 miliardi di Euro, 28 mila miliardi di lire, oltre la Parmalat (…) Se mancano i soldi qualcuno li ha presi, qui siamo in una distorsione dove un partito è diventato una banca e una banca è diventato un partito. Questi soldi devono essere tirati fuori, ma non dai 3,9 miliardi presi dai cittadini italiani, dall’Imu, dalle persone che sono fuori a protestare”. Infine il leitmotiv: “Ora, io sono venuto a dirvi una cosa: lei (indirizzandosi a Profumo) come Presidente la prima cosa che doveva fare era aprire una inchiesta“. Al termine dell’intervento gli applausi scroscianti dell’aula.

Video:

Beppe Grillo all’assemblea del Monte dei Paschi di Siena

Monte dei Paschi: domani Grillo irromperà nell’assemblea dei soci

Posted gennaio 24th, 2013 by marcomachiavelli and filed in Politica, Profeti moderni

Una presenza anomala turberà la quiete degli alti vertici della banca senese. La conferma viene dallo staff di Beppe Grillo che annuncia la partecipazione del comico all’assemblea degli azionisti di domani.

Se sarà uno tsunami come il suo tour elettorale ce lo diranno solo i fatti. Quel che è certo è che la partecipazione di Beppe Grillo all’assemblea degli azionisti di Monte dei Paschi è stata confermata dal suo staff. Un assemblea straordinaria, determinante al fine di ottenere dallo Stato un prestito di quasi quattro miliardi di euro. Per beneficiarne sarà necessario approvare un ingente aumento di capitale, adeguando così il patrimonio al livello richiesto dall’autorità bancaria europea. La banca senese è al centro dello scandalo per l’acquisto di derivati che ha portato l’ex numero uno dell’istituto, Giuseppe Mussari, alle dimissioni dalla presidenza dell’Abi.

Si stima che la sottoscrizione di titoli tossici potrebbe segnare un negativo in bilancio di 700 milioni di euro. Intanto il Pd si smarca affidandosi alle parole di Massimo D’Alema: “Noi estranei alla gestione”. Tuttavia la fondazione che detiene la proprietà della Banca è controllata dalla classe politica di Siena, storica roccaforte della sinistra. Temi caldi, dunque, si accingono a discutere i soci della banca che dovranno confrontarsi pure con le aspre critiche di Beppe Grillo. Il comico anticipa, in un intervista a Reuters (VIDEO), la sua drastica ricetta per il risanamento: “Prendere chi ha rubato, risanare la banca con la refurtiva recuperata e statalizzarla“. L’appuntamento, vietato ai deboli di cuore, è per domani, a Siena, in viale Giuseppe Mazzini 23, ore nove.

Video:

BEPPE GRILLO A POMEZIA NEL SUO “TSUNAMI TOUR” PARLA DI MONTE DEI PASCHI DI SIENA